Superbonus: i firmatari del ccnl sono i primi a non rispettare il contratto.

Associazione CLAAI di Chieti

Servizi a piccole e medie impree Abruzzesi dal 1963

Data pubblicazione: 18 Maggio 2022

Categoria: News

Superbonus dal 27 maggio 2022 solo per i lavori effettuati da imprese che applicano il CCNL più rappresentativo, ma esclusivamente per i lavori edili. A specificarlo è un emendamento al testo della legge di conversione del decreto legge n. 21/2022, il DL Ucraina bis, in attesa del via libera definitivo da parte della Camera.

L’entrata in vigore del nuovo obbligo previsto ai fini dell’accesso alla detrazione fiscale del 110 per cento, così come ai bonus casa ordinari, riguarderà le opere di importo complessivo superiore a 70.000 euro, e per individuare l’ambito applicativo della norma bisognerà guardare ai lavori individuati dall’allegato X al decreto legislativo n. 81/2008.

La legge di conversione del decreto legge n. 21/2022, il DL Ucraina bis, definisce il perimetro delle novità che si applicheranno agli interventi avviati dopo il 27 maggio 2022 nell’ambito del superbonus e dei bonus edilizi.

La novità dispone quindi che l’obbligo per le imprese di adottare il contratto collettivo del settore, nazionale o territoriale, stipulato dalle associazioni datoriali e sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale si applicherà esclusivamente per i lavori edili.

Nel dettaglio, modificando quanto previsto dall’articolo 1, comma 43-bis della legge n. 234/2021, viene disposto che per individuare l’ambito applicativo della misura bisognerà far riferimento agli interventi edili come definiti dall’allegato X del decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008.

L’obbligo si applicherà inoltre per i lavori effettuati dal 27 maggio 2022 e, come specificato dall’emendamento al decreto n. 21/2022 riguarderà le opere complessivamente di importo superiore a 70.000 euro.

Si guarderà quindi all’opera complessiva, ma solo per i lavori edili individuati dal Testo Unico in materia di salute e sicurezza, quali ad esempio le opere di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento o ristrutturazione.

L’emendamento al testo della legge di conversione del decreto legge n. 21/2022, sul quale si attende il via libera definitivo da parte della Camera, aiuta quindi a delimitare meglio l’ambito applicativo della norma che dal 27 maggio 2022 punta a garantire maggiore sicurezza sui cantieri e adeguata formazione ai lavoratori.

L’accesso al superbonus, al pari dei bonus casa ordinari da parte del beneficiario finale, sarà quindi subordinato all’indicazione nell’atto di affidamento che i lavori sono effettuati da datori di lavoro che applicano il CCNL edilizia più rappresentativo.

Una condizione che come specificato dall’articolo 23-bis sopra analizzato, sarà rispettata anche se i datori di lavoro applichino per lavori diversi da quelli edili indicati dall’allegato X altri contratti collettivi.

A verificare il rispetto dei nuovi obblighi saranno tra gli altri i professionisti o i responsabili dell’assistenza fiscale dei CAF chiamati ad apporre il visto di conformità, in relazione alle verifiche sulle fatture di pagamento.

Una specifica task force sarà istituita per la verifica della corretta indicazione del contratto collettivo nell’atto di affidamento dei lavori e nelle fatture, che spetterà all’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con Ispettorato del Lavoro, INPS e casse edili.

Potrebbe interessarti anche…

BANDO A FONDO PERDUTO PER AMMODERNAMENTO  TECNOLOGICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

BANDO A FONDO PERDUTO PER AMMODERNAMENTO TECNOLOGICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

La Regione Abruzzo vuole incentivare i programmi di investimento produttivi finalizzati all’ammodernamento tecnologico delle imprese artigiane tramite interventi di acquisizione di macchinari e attrezzature nuove di fabbrica.
Il progetto dovrà rispettare i seguenti requisiti:
1. avere una spesa minima (IVA esclusa) pari a € 10.000,00;
2. l’importo concesso a fondo perduto, al netto dell’IVA non può essere superiore a € 50.000,00;
3. l’intensità massima di aiuto concedibile è pari all’ 80%.
La domanda potrà essere presentata sullo sportello digitale della Regione Abruzzo dal 14 Novembre al 5 Dicembre 2022.

INDENNITÀ UNA TANTUM DI 150 EURO PER LAVORATORI DIPENDENTI

INDENNITÀ UNA TANTUM DI 150 EURO PER LAVORATORI DIPENDENTI

Il lavoratore, per ricevere l’indennità, deve presentare al proprio datore di lavoro una dichiarazione con la quale afferma di non essere titolare di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione o di non appartenere a un nucleo familiare beneficiario del Reddito di Cittadinanza.

Bonus Energia 2022

Bonus Energia 2022

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Chieti Pescara ha elaborato un bando con l’obiettivo di concedere alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) un contributo a fondo perduto mirato a rimborsare quota parte delle maggiori spese sostenute per le forniture di energia elettrica e di gas naturale, calcolato sul differenziale tra le spese del 2022 ed il medesimo periodo del 2021.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.