Subito ai Comuni gli anticipi del Recovery per avviare i cantieri

Associazione CLAAI di Chieti

Servizi a piccole e medie impree Abruzzesi dal 1963

Data pubblicazione: 29 Aprile 2021

Categoria: Lavoro

A sostenerlo sono i Consulenti del lavoro: ” ripartire dall’Italia dei Comuni. Senza tornare indietro col tempo ma guardando al futuro. E poi riformulare le politiche attive, digitalizzare e semplificare le procedure pubbliche”.

Sono questi i punti chiave da cui ripartire con il Recovery plan dando spazio alle competenze.

E proprio l’ufficializzazione del Pnrr ha indotto il Consiglio nazionale dell’Ordine a presentare al premier Draghi una proposta di utilizzazione della quota di anticipazione delle somme destinate all’Italia per il Recovery plan, pari al 13% del totale.

La proposta finalizzata ai Comune prevede in finanziamento di progetti già approvati dagli enti comunali, con lo scopo di mettere immediatamente in circolazione nell’economia reale le somme previste per la citata anticipazione (circa 25 miliardi).

Tale operazione porterebbe subito tali risorse nei territori, perché l’avvio immediato di lavori edili anche di importi non elevati darebbe respiro alle imprese e alle famiglie.

 

Potrebbe interessarti anche…

I nuovi obblighi informativi previsti dal Decreto Trasparenza

I nuovi obblighi informativi previsti dal Decreto Trasparenza

In attuazione della direttiva UE 2019/1152, col fine di tutelare il diritto dei lavoratori di conoscere le proprie condizioni di lavoro, è stato emanato il cosiddetto Decreto Trasparenza che amplia gli obblighi di informazione in capo ai datori di lavoro.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.