Riscossione: chiuso per ferie fino al 31 agosto

Associazione CLAAI di Chieti

Servizi a piccole e medie impree Abruzzesi dal 1963

Data pubblicazione: 27 Luglio 2021

Categoria: Comunicati stampa

Fanno eccezione le rate in scadenza nel 2020 della rottamazione ter e del saldo e stralcio, per le quali è confermata una nuova scaletta di pagamenti a partire dal 2 agosto.

Per tutto il resto, notifiche delle cartelle di pagamento e degli atti della riscossione, pagamenti delle cartelle e delle rateizzazioni, se ne riparlerà a partire dal 1° settembre prossimo. Sono queste le principali novità introdotte in materia di riscossione dalla legge n.106/2021 di conversione del decreto Sostegni-bis, alle quali L’Agenzia delle entrate-Riscossione ha dedicato l’aggiornamento delle Faq presenti sul proprio sito istituzionale. I debitori sul sito potranno richiedere la copia della Comunicazione delle somme dovute e dei bollettini di pagamento nonché verificare la presenza, tra gli importi da pagare in definizione agevolata, di carichi potenzialmente annullabili per il nuovo saldo e stralcio del decreto sostegni bis (Legge 106/21 di conversione del dl 71/21).

Cosa si ferma fino al 31 agosto. Fino al 31 agosto 2021 restano sospese le attività di notifica di nuove cartelle, avvisi di debito e di tutti gli altri atti di competenza dell’Agenzia delle entrate-Riscossione.

Fino al 31 agosto sono sospesi anche i termini di pagamento derivanti dagli atti di cui sopra, in scadenza dall’8 marzo 2020 (inizio periodo di sospensione Covid). Restano sospesi fino al 31 agosto anche i pagamenti relativi ai piani di dilazione, in scadenza a far data sempre dall’8 marzo 2020 (21 febbraio 2020 per le prime zone rosse del Dpcm 1° marzo 2020). Fino al 31 agosto l’agente della riscossione non potrà nemmeno attivare procedure cautelari o esecutive.

Per info e assistenza: U.P.A. Sistema tel. 0871 331442 mail: info@claaiabruzzo.it

Potrebbe interessarti anche…

Bonus edili: l’addebito degli oneri finanziari è soggetto a iva

Bonus edili: l’addebito degli oneri finanziari è soggetto a iva

a somma addebitata al cliente a titolo di onere finanziario connesso al recupero dello sconto in fattura accordato, secondo legge, nell’ambito di prestazioni per le quali il destinatario ha diritto alle detrazioni fiscali, integra il corrispettivo della prestazione ed è, pertanto, imponibile ad Iva.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.