Pensioni, con la fine di Quota 100, doppio assegno

U.P.A. C.L.A.A.I. di Chieti

Servizi a piccole e medie imprese dal 1963

Data pubblicazione: 18 Ottobre 2021

Categoria: News

  • Gli ultimi “quotisti”,
  • I primi “scalonati”,
  • I pensionati “a rate”,

Questi sono i tre profili previdenziali che si vanno a configurare nei prossimi mesi. I primi 2 sono certi, il terzo dipende dalle decisioni del Governo che prenderà nella Legge di Bilancio.

I “quotisti”

Sono quelli che cercano di agganciare l’ultimo treno di Quota 100 prima della scadenza del 31 dicembre per lasciare il lavoro con almeno 62 anni e 38 di contributi.

Gli “scalonati”

Chi non ha i requisiti per  Quota 100 dal 1° gennaio 2022 potrà contare solo su quelli ordinari definiti dalla Legge Fornero mai scomparsi: 67 anni e almeno 20 di contributi per la pensione di vecchiaia e 42 anni e 10 mesi per quella anticipata (un anno in meno per le donne) a prescindere dall’età anagrafica.

Pensionati ” a rate”

Per questi si tratta solo di un’ipotesi, elaborata dal Presidente dell’Inps. I lavoratori che hanno 63-64 anni e una pensione mista, accumulata in parte con il sistema contributivo e in parte con il sistema retributivo se vantano almeno 20 anni di contributi e una futura pensione pari almeno a 1,2 volte l’assegno sociale (620 euro), allora possono chiedere di lasciare il lavoro. Ma incassano la pensione in 2 tappe: subito la parte contributiva e al compiere di 67 anni il resto.

Per info e assistenza U.P.A. Sistema tel. 0871 331442 mail: info@claaiabruzzo.it

Ecco alcuni articoli che potrebbero interessarti

INDENNITÀ UNA TANTUM DI 150 EURO PER LAVORATORI DIPENDENTI

INDENNITÀ UNA TANTUM DI 150 EURO PER LAVORATORI DIPENDENTI

Il lavoratore, per ricevere l’indennità, deve presentare al proprio datore di lavoro una dichiarazione con la quale afferma di non essere titolare di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione o di non appartenere a un nucleo familiare beneficiario del Reddito di Cittadinanza.

Bonus Energia 2022

Bonus Energia 2022

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Chieti Pescara ha elaborato un bando con l’obiettivo di concedere alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) un contributo a fondo perduto mirato a rimborsare quota parte delle maggiori spese sostenute per le forniture di energia elettrica e di gas naturale, calcolato sul differenziale tra le spese del 2022 ed il medesimo periodo del 2021.

Aiuti e misure contro il caro energia

Aiuti e misure contro il caro energia

L’articolo 1 del Decreto legge n.144/2022 estende, per i mesi di ottobre e novembre 2022, il riconoscimento dei crediti d’imposta a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e di gas naturale.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *