Parità di genere con certificato – Pnrr una serie di progetti per il lavoro femminile.

U.P.A. C.L.A.A.I. di Chieti

Servizi a piccole e medie imprese dal 1963

Data pubblicazione: 3 Maggio 2021

Categoria: Lavoro

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) prevede un sistema che incentivi le imprese ad adottare policy adeguate a ridurre il gap di genere, che dovrebbe essere operativo dalla metà del 2022.

Oltre alla crescita del lavoro femminile il Pnrr presenta una serie di progetti per il rilancio dell’occupazione con una spesa totale dedicata al lavoro di 6,66miliadi di euro.

In particolare, per la certificazione di genere si parla dell’introduzione di un sistema nazionale di certificazione che intende accompagnare le imprese nella riduzione dei divari in tutte le aree più critiche per la crescita professionale delle donne e rafforzare la trasparenza salariale.

In pillole, le misure per il lavoro  femminile nel Pnrr:

Incentivi alle imprese femminili

  • riforma degli attuali strumenti di sostegno,
  • nuovo fondo per l’imprenditoria femminile,
  • impulso alla realizzazione di progetti aziendali per imprese già a conduzione femminile,
  • supporto tecnico-gestionale,
  • campagne di comunicazione mirate.

Certificazione di garanzia

  • sarà definito un sistema nazionale di certificazione delle parità di genere che accompagni e incentivi le imprese ad adottare policy adeguate a ridurre il gap di genere in tutte le aree individuate come critiche: dall’opportunità di crescita alla parità salariale, dalle politiche di gestione delle differenze alle tutele per la maternità.

Assunzioni vincolate per bandi

  • nei bandi gara finanziati con le risorse del Recovery fund, saranno indicati come requisiti necessari e, in aggiunta, premiali dell’offerta, criteri orientati verso gli obiettivi di parità di genere.

Strategia nazionale per la parità di genere

  • entro il primo semestre 2021 il governo si impegna a lanciare un proprio piano nazionale per la parità di genere relativo al periodo 2021-2026 basato su cinque priorità: lavoro, reddito, competenze, tempo, poter. Obiettivo, la risalit di almeno 5 posizioni nel Gender equality index, dove l’Italia è attualmente 14°.

Equilibrio vita-lavoro

  • potenziamento delle misure di welfare,
  • piano asili nido,
  • potenziamento servizi educativi per l’infanzia,
  • rafforzamento dei servizi di prossimità.

Ecco alcuni articoli che potrebbero interessarti

Decreto Flussi per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025

Decreto Flussi per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025

Il Decreto Flussi stabilisce le quote d’ingresso per lavoratori stranieri in Italia per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025. Le quote variano a seconda del settore e includono anche quote riservate a cittadini provenienti da Paesi con accordi di cooperazione con l’Italia. Il decreto prevede anche la conversione dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale e dei permessi di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.

Nuovo bonus in busta paga da Luglio 2023

Nuovo bonus in busta paga da Luglio 2023

A partire da luglio 2023, i dipendenti con redditi fino a 35.000 euro avranno un nuovo bonus nella busta paga grazie alla riduzione della pressione fiscale, con un’esenzione contributiva fino al 6%. La riduzione della quota di contribuzione a carico dei dipendenti comporterà un bonus più sostanzioso nella busta paga per il periodo dal 1 luglio al 31 dicembre 2023. L’esenzione non si applicherà al tredicesimo stipendio.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *