Obbligo vaccinale: come funziona la sanzione di 100 euro per gli over 50 e non solo.

Associazione CLAAI di Chieti

Servizi a piccole e medie impree Abruzzesi dal 1963

Data pubblicazione: 12 Gennaio 2022

Categoria: News

Obbligo vaccinale: il nuovo decreto Covid, approvato il 5 gennaio scorso, prevede una sanzione di 100 euro per gli over 50 che non si sottopongono al vaccino contro il coronavirus.

Con la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale, avvenuta il 7 gennaio, sono state specificate le penalità per i cittadini che hanno compiuto almeno 50 anni che non rispetteranno questo vincolo, sancito proprio dall’ultimo provvedimento del Governo, e per le altre categorie obbligate alla vaccinazione.

Sarà l’Agenzia delle Entrate Riscossione l’ente predisposto a riscuotere quanto dovuto dai trasgressori, sulla base degli elenchi forniti dal Ministero della Salute.

C’è tempo fino al 1° febbraio 2022 per mettersi in regola. Da quel giorno, scattano le sanzioni.

La norma prevede una sanzione amministrativa per gli inadempienti, del valore di 100 euro. Destinatari dell’avviso di pagamento dal 1° febbraio 2022 sono gli over 50 che:

  • non hanno iniziato il ciclo vaccinale primario;
  • non hanno ricevuto la seconda dose;
  • non hanno effettuato la dose di richiamo (“booster”).

L’addebito verrà inviato ai trasgressori dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

L’Ente si baserà sugli elenchi dei soggetti inadempienti fornito dal Ministero della Salute“anche acquisendo i dati resi disponibili dal Sistema Tessera Sanitaria sui soggetti assistiti dal Servizio Sanitario Nazionale vaccinati per COVID-19”.

Potrebbe interessarti anche…

– Emergenza Coronavirus – Decontribuzione Sud 2022-2023

– Emergenza Coronavirus – Decontribuzione Sud 2022-2023

Si riaprono le domande per l’accesso al beneficio decontribuzione Sud (legge n. 178/2020) da parte delle aziende, questa volta relativamente al periodo fino ad ora autorizzato dalla Commissione europea che va dall’1 luglio al 31 dicembre 2022.

NUOVI OBBLIGHI PER I LAVORI EDILI SUPERIORI A € 70.000

NUOVI OBBLIGHI PER I LAVORI EDILI SUPERIORI A € 70.000

A partire dai lavori avviati successivamente al 27 maggio 2022 di importo superiore a 70.000 euro sarà necessario riportare il contratto collettivo applicato nell’atto di affidamento dei lavori e nelle fatture elettroniche emesse, al fine di poter usufruire dei bonus edilizi.

SANZIONI PER PER CHI RIFIUTA IL PAGAMENTO A MEZZO POS

SANZIONI PER PER CHI RIFIUTA IL PAGAMENTO A MEZZO POS

INIZIO APPLICAZIONE DAL 30/06/2022 Anticipo di sanzioni per esercenti e professionisti che non accettano i pagamenti con i Pos. La norma che ha introdotto l'obbligo è del 2012 e finora non è stata...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.