Domanda assegno unico 2022, come fare?

U.P.A. C.L.A.A.I. di Chieti

Servizi a piccole e medie imprese dal 1963

Data pubblicazione: 3 Gennaio 2022

Categoria: Lavoro

Domanda assegno unico, è attivo dal 1° gennaio 2022 il servizio INPS per fare richiesta.

Accedendo al portale dell’Istituto, mediante credenziali SPID, CIE o CNS, è possibile inviare la domanda per la nuova prestazione che, a decorrere dal 1° marzo 2022, accorperà le attuali misure a sostegno della genitorialità riconosciute ai nuclei familiari.

Per il calcolo dell’importo effettivamente spettante sarà necessario aver preventivamente presentato il modello ISEE 2022. In assenza di una DSU aggiornata, l’assegno unico spetterà per l’importo minimo, salvo conguaglio nel caso di presentazione successiva.

A fornire le prime istruzioni operative per fare domanda d’accesso all’assegno unico 2022 è il messaggio n. 4748 pubblicato dall’INPS il 31 dicembre 2021, al quale si affiancano le informative condivise con l’Agenzia delle Entrate rivolte a lavoratori e datori di lavoro.

Per info e assistenza rivolgersi a U.P.A. Sistema – Patronato Inpal tel. 0871 331442 mail: info@claaiabruzzo.it

Ecco alcuni articoli che potrebbero interessarti

Decreto Flussi per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025

Decreto Flussi per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025

Il Decreto Flussi stabilisce le quote d’ingresso per lavoratori stranieri in Italia per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025. Le quote variano a seconda del settore e includono anche quote riservate a cittadini provenienti da Paesi con accordi di cooperazione con l’Italia. Il decreto prevede anche la conversione dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale e dei permessi di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.

Nuovo bonus in busta paga da Luglio 2023

Nuovo bonus in busta paga da Luglio 2023

A partire da luglio 2023, i dipendenti con redditi fino a 35.000 euro avranno un nuovo bonus nella busta paga grazie alla riduzione della pressione fiscale, con un’esenzione contributiva fino al 6%. La riduzione della quota di contribuzione a carico dei dipendenti comporterà un bonus più sostanzioso nella busta paga per il periodo dal 1 luglio al 31 dicembre 2023. L’esenzione non si applicherà al tredicesimo stipendio.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *