Dichiarazione dei redditi 2021, scadenza per i contributi a fondo perduto da prorogare

U.P.A. C.L.A.A.I. di Chieti

Servizi a piccole e medie imprese dal 1963

Data pubblicazione: 7 Giugno 2021

Categoria: Lavoro

Dichiarazione dei redditi 2021, per la scadenza del 10 settembre legata al saldo dei contributi a fondo perduto previsti dal DL Sostegni bis è necessaria una proroga al 31 ottobre o comunque bisogna concedere più tempo anche senza prevedere una data unica. È questa la richiesta avanzata dal Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili in audizione ieri, 3 giugno, alla Camera.

Per i commercialisti è necessaria una proroga al 31 ottobre della scadenza per la dichiarazione dei redditi 2021 legata al saldo dei contributi a fondo perduto, che attualmente è fissata dal DL n.73/2021 al 10 settembre. Ma propongono anche un’alternativa. Si potrebbero concedere 120 giorni, e non solo 30, per presentare l’istanza prevedendo semplicemente la possibilità di procedere solo dopo aver presentato la dichiarazione dei redditi 2021, senza fissare una data unica.

Il Decreto Sostegni bis, sintetizzando, ha previsto tre diversi contributi a fondo perduto:

  • una nuova tranche di pari importo per i vecchi beneficiari, che possono comunque ottenere una somma aggiuntiva spostando il periodo su cui verificare il calo dell’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi pari al 30 per cento da gennaio ad aprile;
  • una nuova versione che si basa sul confronto tra i periodi 1° aprile 2019 – 31 marzo 2020 e 1° aprile 2020- 31 marzo 2021 e che permette di includere una platea di beneficiari che non aveva i requisiti previsti dal primo Decreto Sostegni;
  • una sorta di saldo di contributi a fondo perduto per coloro che dimostrano di avere avuto un peggioramento del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020, rispetto a quello relativo al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019, in misura pari o superiore alla percentuale che sarà definita con il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze e considerando gli aiuti già ricevuti.

Ecco alcuni articoli che potrebbero interessarti

Nuovo bonus in busta paga da Luglio 2023

Nuovo bonus in busta paga da Luglio 2023

A partire da luglio 2023, i dipendenti con redditi fino a 35.000 euro avranno un nuovo bonus nella busta paga grazie alla riduzione della pressione fiscale, con un’esenzione contributiva fino al 6%. La riduzione della quota di contribuzione a carico dei dipendenti comporterà un bonus più sostanzioso nella busta paga per il periodo dal 1 luglio al 31 dicembre 2023. L’esenzione non si applicherà al tredicesimo stipendio.

Esonero contributivo 100% per assunzioni di UNDER 36

Esonero contributivo 100% per assunzioni di UNDER 36

Dopo il via libera dalla Commissione UE, l'INPS ha fornito le istruzioni per i datori di lavoro che assumono giovani under 36 nel 2023. Il bonus consiste in un esonero contributivo del 100% fino a...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *