Contributi INPS artigiani, commercianti e professionisti inclusi nella proroga al 15/09/2021

U.P.A. C.L.A.A.I. di Chieti

Servizi a piccole e medie imprese dal 1963

Data pubblicazione: 28 Luglio 2021

Categoria: Lavoro

I contributi INPS artigiani, commercianti, professionisti 2021 rientrano nel campo di applicazione della proroga prevista dall’articolo 9 ter DL Sostegni bis per i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi. La scadenza del primo acconto e del saldo 2020 passa al 15 settembre.

I chiarimenti nel messaggio INPS numero 2731 del 27 luglio 2021.

Per chi paga entro il nuovo termine non c’è alcuna maggiorazione. Viene concesso più tempo ai soggetti ISA, compresi coloro che rientrano nelle cause di esclusione.

In particolare la proroga della scadenza al 15 settembre 2021 riguarda i versamenti che seguono:

  • saldo per l’anno di imposta 2020 e primo acconto per l’anno di imposta 2021 della contribuzione calcolata sul reddito d’impresa ai fini Irpef da artigiani e commercianti, soggetti di cui all’articolo 1 della legge 2 agosto 1990, n. 233;
  • saldo per l’anno di imposta 2020 e primo acconto per l’anno di imposta 2021 della contribuzione calcolata sul reddito ai fini Irpef dai soggetti iscritti alla Gestione separata e che producono redditi di lavoro autonomo.
  • Nel dettaglio la proroga del versamento dei contributi INPS artigiani, commercianti, professionisti 2021 al 15 settembre riguarda i soggetti che seguono:
    • coloro che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli ISA, Indici Sintetici di Affidabilità fiscale, e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascun indice;
    • ma anche i contribuenti per i quali ricorrono le cause di esclusione dall’applicazione degli ISA:
      • i soggetti che applicano il regime forfettario;
      • i contribuenti minimi;
      • coloro che presentano altre cause di esclusione dagli ISA (come inizio o cessazione attività, determinazione forfettaria del reddito, ecc.);
    • i contribuenti che partecipano a società, associazioni e imprese che rientrano nel regime previsto per i redditi prodotti in forma associata e per l’opzione della trasparenza fiscale, come i soci di società di persone, i collaboratori di impese familiari, i coniugi che gestiscono aziende coniugali, i componenti di associazioni tra artisti e professionisti (i professionisti con studio associato), i soci di società di capitali in regime di trasparenza.

Per info e assistenza U.P.A. Sistema 0871 331442 mail: info@claaiabruzzo.it

Ecco alcuni articoli che potrebbero interessarti

Decreto Flussi per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025

Decreto Flussi per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025

Il Decreto Flussi stabilisce le quote d’ingresso per lavoratori stranieri in Italia per lavoro subordinato e autonomo nel triennio 2023-2025. Le quote variano a seconda del settore e includono anche quote riservate a cittadini provenienti da Paesi con accordi di cooperazione con l’Italia. Il decreto prevede anche la conversione dei permessi di soggiorno per lavoro stagionale e dei permessi di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.

Nuovo bonus in busta paga da Luglio 2023

Nuovo bonus in busta paga da Luglio 2023

A partire da luglio 2023, i dipendenti con redditi fino a 35.000 euro avranno un nuovo bonus nella busta paga grazie alla riduzione della pressione fiscale, con un’esenzione contributiva fino al 6%. La riduzione della quota di contribuzione a carico dei dipendenti comporterà un bonus più sostanzioso nella busta paga per il periodo dal 1 luglio al 31 dicembre 2023. L’esenzione non si applicherà al tredicesimo stipendio.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *