Bollette: si potranno pagare a rate in 10 mesi senza interessi

Associazione CLAAI di Chieti

Servizi a piccole e medie impree Abruzzesi dal 1963

Data pubblicazione: 20 Dicembre 2021

Categoria: News

E’ una delle novità introdotte dal maxiemendamento alla legge di bilancio 2022 presentato dal Governo in Senato. L’obiettivo è arginare gli effetti dei rincari energetici per famiglie e imprese.

Il nuovo anno si porterà dietro un pesante aumento delle bollette energetiche, dovuto ai rincari dei prezzi del gas che, a cascata, determineranno anche importanti incrementi dei prezzi dell’elettricità.

Per contenere gli effetti negativi del caro bollette nella manovra 2022 spunta una norma ad hoc.

Le bollette energetiche si potranno pagare in 10 mesi

La rateizzazione delle bollette dell’energia prevista dall’emendamento omnibus presentato dal governo alla legge di bilancio all’esame del Senato rappresenta di fatto un punto di incontro tra diverse richieste interne alla maggioranza.

Le famiglie potranno rateizzare le bollette di luce e gas in arrivo con le fatture emesse da gennaio ad aprile 2022. In caso di inadempienza dei clienti domestici, le imprese saranno tenute ad offrire un piano di rateizzazione senza interessi.

Sul tavolo c’è 1 miliardo di euro. All’Autorità dell’energia spetterà il compito di definire gli anticipi da riversare alle imprese per compensare le rate e le modalità di restituzione delle imprese stesse per consentire il recupero da parte della Cassa per i servizi energetici del 70% dell’anticipazione entro il 2022 e della restante quota entro il 2023.

Inoltre, sempre per il primo trimestre 2022, è prevista la riduzione delle aliquote relative agli oneri generali di sistema per il settore del gas fino a 480 milioni.

Per lo stesso periodo temporale, le agevolazioni relative alle tariffe per la fornitura di energia elettrica riconosciute ai clienti economicamente svantaggiati e in gravi condizioni di salute e la compensazione per la fornitura di gas naturale, sono rideterminate dall’Arera al fine di minimizzare gli incrementi di spesa per la fornitura, fino a concorrenza dell’importo di 912 milioni di euro.

Potrebbe interessarti anche…

BANDO A FONDO PERDUTO PER AMMODERNAMENTO  TECNOLOGICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

BANDO A FONDO PERDUTO PER AMMODERNAMENTO TECNOLOGICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

La Regione Abruzzo vuole incentivare i programmi di investimento produttivi finalizzati all’ammodernamento tecnologico delle imprese artigiane tramite interventi di acquisizione di macchinari e attrezzature nuove di fabbrica.
Il progetto dovrà rispettare i seguenti requisiti:
1. avere una spesa minima (IVA esclusa) pari a € 10.000,00;
2. l’importo concesso a fondo perduto, al netto dell’IVA non può essere superiore a € 50.000,00;
3. l’intensità massima di aiuto concedibile è pari all’ 80%.
La domanda potrà essere presentata sullo sportello digitale della Regione Abruzzo dal 14 Novembre al 5 Dicembre 2022.

INDENNITÀ UNA TANTUM DI 150 EURO PER LAVORATORI DIPENDENTI

INDENNITÀ UNA TANTUM DI 150 EURO PER LAVORATORI DIPENDENTI

Il lavoratore, per ricevere l’indennità, deve presentare al proprio datore di lavoro una dichiarazione con la quale afferma di non essere titolare di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione o di non appartenere a un nucleo familiare beneficiario del Reddito di Cittadinanza.

Bonus Energia 2022

Bonus Energia 2022

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Chieti Pescara ha elaborato un bando con l’obiettivo di concedere alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) un contributo a fondo perduto mirato a rimborsare quota parte delle maggiori spese sostenute per le forniture di energia elettrica e di gas naturale, calcolato sul differenziale tra le spese del 2022 ed il medesimo periodo del 2021.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.