BANDO A FONDO PERDUTO PER AMMODERNAMENTO TECNOLOGICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

Associazione CLAAI di Chieti

Servizi a piccole e medie impree Abruzzesi dal 1963

Data pubblicazione: 4 Novembre 2022

Categoria: News

Dal 14 novembre al 5 dicembre massimo 50.000 euro 80% fondo perduto

La Regione Abruzzo vuole incentivare i programmi di investimento produttivi finalizzati all’ammodernamento tecnologico delle imprese artigiane tramite interventi di acquisizione di macchinari e attrezzature nuove di fabbrica.

Il progetto dovrà rispettare i seguenti requisiti:

  1. avere una spesa minima (IVA esclusa) pari a € 10.000,00;
  2. l’importo concesso a fondo perduto, al netto dell’IVA non può essere superiore a € 50.000,00;
  3. l’intensità massima di aiuto concedibile è pari all’ 80%.

La domanda potrà essere presentata sullo sportello digitale della Regione Abruzzo dal 14 Novembre al 5 Dicembre 2022.

Sono escluse le imprese che, per codice di attività primaria risultante da visura camerale, rientrano nei seguenti settori:

  1. siderurgia;
  2. costruzione navale;
  3. pesca e acquacoltura;
  4. fibre sintetiche;
  5. connesse alla produzione primaria (agricoltura e allevamento);
  6. industria carboniera;
  7. comparti dell’esportazione;

Tipologie di spese ammissibili

  • spese per l’acquisto di macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica atti ad implementare e migliorare le prestazioni, in termini quantitativi e qualitativi, del prodotto o del processo produttivo;
  •  mezzi mobili, a beneficio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni, strettamente necessari al ciclo produttivo.

Tipologie di spese non ammissibili

Non sono ritenute ammissibili le seguenti spese:

  • spese per il funzionamento e la gestione dell’attività (canoni e locazioni, energia, spese telefoniche, ecc.);
  • oneri per imposte, concessioni, spese notarili, spese bancarie, interessi passivi e altri oneri meramente finanziari, avviamento e acquisto di licenze autorizzative per lo svolgimento dell’attività;
  • spese relative a beni in comodato;
  • spese che hanno beneficiato di contributi pubblici considerati Aiuti di Stato, incluso il regime «de minimis» e il Temporary Framework;
  • spese di ammortamento relativi ad attivi materiali ed immateriali che hanno beneficiato di contributi pubblici considerati Aiuti di Stato, incluso il regime «de minimis» e il Temporary Framework;
  • spese relative a commesse interne;
  • spese regolate attraverso cessione di beni o compensazione di qualsiasi genere tra il beneficiario ed il fornitore;
  • spese relative a beni usati e/o acquistati con il sistema della locazione finanziaria.
  • pagamenti effettuati in contanti e/o tramite compensazione di qualsiasi genere tra il beneficiario ed il fornitore;
  • spese effettuate e/o fatturate all’impresa beneficiaria dal legale rappresentante, dai soci dell’impresa e da qualunque altro soggetto facente parte degli organi societari e di amministrazione della stessa, ovvero dal coniuge o parenti ed affini entro il terzo grado in linea diretta, o collaterale dei soggetti richiamati;
  • la fatturazione e/o la vendita dei beni oggetto del contributo nonché la fornitura di consulenze alle imprese beneficiarie del contributo da parte di imprese, società o enti con rapporti di controllo o collegamento così come definito ai sensi dell’art. 2359 del c.c. o che abbiano in comune soci, amministratori, o procuratori con poteri di rappresentanza;
  • spese effettuate e/o fatturate da impresa nella cui compagine sociale siano presenti i soci e i titolari di cariche e qualifiche dell’impresa beneficiaria, ovvero i loro coniugi o parenti ed affini entro il terzo grado in linea diretta, o collaterale dei soggetti richiamati;
  • qualsiasi forma di autofatturazione;
  • pagamenti effettuati a soggetti sprovvisti di Partita Iva;
  • spese effettuate in economia o per conto proprio;
  • fatture con importo inferiore a € 100,00;

GLI UFFICI U.P.A. SONO A TUA DISPOSIZIONE PER CHIARIMENTI E PER L’INOLTRO DELLA DOMANDA.
Rivolgiti al 380-4930957 0871-348970, mail info@claaiabruzzo.it.

DOCUMENTI UTILI:

Schema indicativo della domanda

Potrebbe interessarti anche…

INDENNITÀ UNA TANTUM DI 150 EURO PER LAVORATORI DIPENDENTI

INDENNITÀ UNA TANTUM DI 150 EURO PER LAVORATORI DIPENDENTI

Il lavoratore, per ricevere l’indennità, deve presentare al proprio datore di lavoro una dichiarazione con la quale afferma di non essere titolare di uno o più trattamenti pensionistici a carico di qualsiasi forma previdenziale obbligatoria, di pensione o assegno sociale, di pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché di trattamenti di accompagnamento alla pensione o di non appartenere a un nucleo familiare beneficiario del Reddito di Cittadinanza.

Bonus Energia 2022

Bonus Energia 2022

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura Chieti Pescara ha elaborato un bando con l’obiettivo di concedere alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) un contributo a fondo perduto mirato a rimborsare quota parte delle maggiori spese sostenute per le forniture di energia elettrica e di gas naturale, calcolato sul differenziale tra le spese del 2022 ed il medesimo periodo del 2021.

Aiuti e misure contro il caro energia

Aiuti e misure contro il caro energia

L’articolo 1 del Decreto legge n.144/2022 estende, per i mesi di ottobre e novembre 2022, il riconoscimento dei crediti d’imposta a favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e di gas naturale.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.