Accessi illeciti, la multa è salata

Associazione CLAAI di Chieti

Servizi a piccole e medie impree Abruzzesi dal 1963

Data pubblicazione: 20 Settembre 2021

Categoria: News

Dal 15 ottobre i lavoratori sospesi perderanno lo stipendio, ma conserveranno il posto.

Dal 15 ottobre i lavoratori privi di green pass non potranno lavorare, perderanno lo stipendio ma conserveranno il posto di lavoro finché non esibiranno la certificazione verde.

A stabilirlo è la bozza di decreto legge approvata il 16 settembre dal consiglio dei ministri. Un rimedio c’è ed è lo smart working, ma serve l’ok del datore di lavoro purché si svolgano mansioni che permettano di lavorare fuori da uffici e fabbriche, a distanza e in telematica.

Tutti i lavoratori sono coinvolti nel nuovo obbligo: imprenditori, autonomi, prestatori occasionali, domestici.

La verifica sul rispetto dell’obbligo è compito affidato ai datori di lavoro, i controlli sono svolti da soggetti incaricati con atto formale in azienda. Le verifiche sono effettuate attraverso l’unica App ufficiale “Verifica Covid19” messa a punto dal governo.

La bozza di decreto legge stabilisce che i datori di lavoro devono definire, entro il 15 ottobre, le modalità operative per l’organizzazione delle verifiche, prevedendo ove possibile, che i controlli vengano effettuati al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro.

La bozza, prevede inoltre, un specifico regime sanzionatorio come in foto.

 

 

Potrebbe interessarti anche…

– Emergenza Coronavirus – Decontribuzione Sud 2022-2023

– Emergenza Coronavirus – Decontribuzione Sud 2022-2023

Si riaprono le domande per l’accesso al beneficio decontribuzione Sud (legge n. 178/2020) da parte delle aziende, questa volta relativamente al periodo fino ad ora autorizzato dalla Commissione europea che va dall’1 luglio al 31 dicembre 2022.

NUOVI OBBLIGHI PER I LAVORI EDILI SUPERIORI A € 70.000

NUOVI OBBLIGHI PER I LAVORI EDILI SUPERIORI A € 70.000

A partire dai lavori avviati successivamente al 27 maggio 2022 di importo superiore a 70.000 euro sarà necessario riportare il contratto collettivo applicato nell’atto di affidamento dei lavori e nelle fatture elettroniche emesse, al fine di poter usufruire dei bonus edilizi.

SANZIONI PER PER CHI RIFIUTA IL PAGAMENTO A MEZZO POS

SANZIONI PER PER CHI RIFIUTA IL PAGAMENTO A MEZZO POS

INIZIO APPLICAZIONE DAL 30/06/2022 Anticipo di sanzioni per esercenti e professionisti che non accettano i pagamenti con i Pos. La norma che ha introdotto l'obbligo è del 2012 e finora non è stata...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.